Comunicato stampa per il referendum “sull’eutanasia legale”

È in corso dal 1° luglio, in tutta Italia, la raccolta di firme per il referendum cosiddetto “sull’eutanasia legale”. Obiettivo: 500.000 adesioni entro il 30 settembre 2021.
Un referendum parzialmente abrogativo volto a modificare la norma penale attualmente in vigore, facendo sì che l’eutanasia attiva, vietata dal nostro ordinamento (mentre forme di eutanasia passiva, ovvero l’astensione da interventi di accanimento terapeutico, sono considerate lecite) sia consentita nelle forme previste dalla legge sul consenso informato e il testamento biologico, e in presenza dei requisiti introdotti dalla Sentenza della Consulta sul “Caso Cappato”, ma rimanga punita se il fatto è commesso contro una persona incapace o contro una persona il cui consenso sia stato estorto con violenza, minaccia o contro un minore di diciotto anni.
La Socrem-Società della Cremazione di Pisa, che ha nel proprio dettato statutario la tutela della piena esecuzione della volontà manifestate dai propri iscritti sulle modalità funerarie e che è sempre stata impegnata per il riconoscimento del testamento biologico, concorda con il quesito referendario, che va ad intervenire su una ambiguità legislativa riconosciuta dalla Consulta e insieme riconosce la dignità della volontà consapevolmente espressa dalla singola persona sul proprio fine vita. Invita quindi i propri iscritti e le proprie iscritte, nonché i cittadini e le cittadine, a firmare.
Da quest’anno la raccolta firme, oltre che presso l’Ufficio elettorale del Comune di Pisa e gli appositi tavoli promossi in alcune zone della città , è effettuata anche in alcuni studi legali.
Per maggiori informazioni https://referendum.eutanasialegale.it/

Speak Your Mind

*